Celebrazioni del 70° anniversario dell’approvazione della “Dichiarazione Internazionale dei Diritti Umani” da parte dell’ONU a PARIGI 10 dicembre 1948

Il 2018 sta volgendo al termine. Anno di importanti ricorrenze storiche, sociali e giuridiche in quanto 70 anni fa il 1° gennaio 1948 entro in vigore la Costituzione della Repubblica Italiana e il 10 dicembre fu approvata a Parigi da parte dell’ONU la “Dichiarazione Universale dei Diritti Umani”.Erano trascorsi tre anni dalla fine della tragedia della Seconda Guerra Mondiale e le democrazie erano tornate al potere nella maggior parte del Pianeta e così anche in Europa,  dopo i nefasti anni dei regime dittatoriali  nazifascisti.I governanti vincitori e la politica dei Paesi non belligeranti hanno ritenuto necessario “mettere per iscritto” regole certe per la difesa del diritto di ogni cittadino

Mentre la Costituzione è un testo giuridico lungo, articolato che contempla anche norme per  l’organizzazione dello stato italiano la Dichiarazione è un testo snello, composto da pochi articoli ed è improntato su valori che partono dall’antica Grecia, passano per il diritto di cittadinanza dei romani, la Magna Carta, dai principi etici classici - europei stabiliti dalla Bill of Rights, dalla dichiarazione d’indipendenza degli Stati Uniti d’America e soprattutto dalla Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino approvata durante la rivoluzione francese.

Nel 1948 si volle stabilire per la prima volta a livello mondiale quelli che sono i Diritti Umani Universali che già nel termine supera la distinzione fra uomini e donne.

Per celebrare in data 10.12.18 questa ricorrenza le tre Sedi del Liceo Artistico “E. MANNUCCI” hanno organizzato specifici eventi:

Sede di Ancona

Museo Tattile Statale Omero - Mole Vanvitelliana - ANCONA

08.30 Ritrovo alla Mole Vanvitelliana / Museo Tattile Statale OMERO per appello

09.00 Saluto del Presidente del Museo Tattile Statale Omero

09.15 Apertura attività - Prof.ssa BRANDONI Milena D.S.

09.30 I diritti delle persone oggi e loro tutela – (Avv. NOBILI Andrea Ombudsman Regione Marche)

10.00 Il diritto all’istruzione (delegato Dirigente USR per le MARCHE))

10.30 L’Articolo 27, il diritto alla cultura – (Prof. GRASSINI Aldo Presidente Museo Omero)

11.00 Lettura da parte di studenti della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nelle cinque lingue ufficiali dell'ONU: inglese, francese, cinese, russo e spagnolo.

11.30  Suddivisione studenti in tre laboratori e visita con turnazione alla collezione del Museo Omero e alla  mostra “A spasso con le dita”

13.00 – 13.30 Conclusioni e termine attività

Sede di Jesi

Scuola ed evento pubblico a livello comunale

Predisposizione installazioni a scuola con manifesti, simboli di pace ed approfondimenti a scuola sui diritti umani a cura  degli studenti che hanno partecipato alla Marcia della Pace e della Fraternità PERUGIA ASSISI del 07.10.18 . Elaborazione di riflessioni ed istallazioni sul tema  di un articolo della Dichiarazione scelto da ciascuna classe.

Pomeriggio evento pubblico alle 17.30 in Consiglio Comunale e alle 18.30 in Piazza della Repubblica .

Sede di Fabriano 

Scuola

Inizio attività ore 10.45

In filodiffusione verrà fatta ascoltare a tutti gli alunni una canzone (Blowin' the wind B. Dylan) e poi si procederà alla lettura da parte di un alunno di una storia (rivisitatazione del preambolo della  Dichiarazione universale dei diritti umani.) per introdurre l'evento. Quindi ogni classe si recherà nell'aula assegnata in precedenza.

Ore 11.00: gli alunni si recheranno nelle 4 aule dove è presente la Lim (classi 1A-1B-2A in aula magna/ 2B-3A-3B aula lim quarto piano/ 4A e 4B lab. grafica e 5A aula audiovisivo multimediale).

Qui visioneranno quattro filmati, uno per gruppo, sulla storia dei diritti umani ( video scelti dai docenti) e poi ogni classe esporrà la propria riflessione/elaborato/video/slogan...

Ore 12.00: saluto del Sindaco di Fabriano e degli assessori all'istruzione e alla cultura.

I rappresentanti di classe doneranno un gadget simbolico della giornata alle autorità.

Ore 12.30: tutti i lavori verrano esposti in un'ala allestita in precedenza dai ragazzi che hanno partecipato alla marcia della Pace  ( esterno scuola tempo permettendo) .

Ore 13:00. conclusione.

La nostra scuola vuole comunque superare il solo aspetto celebrativo di questi fondamentali atti perché intende favorire, fra i propri  studenti, programmi di Educazione alla Legalità al fine di permettere l’acquisizione, o il potenziamento, di questa fondamentale competenza per i cittadini di oggi e di domani.